CATEGORIE

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

 

Categoria: CATEGORIE

 

 

Questa mattina(21/05/2022), nel corso del presidio del capannone del petrolchimico, la Filctem-CGIL ha incontrato l'associazione Rosso Veneziano, partecipata da bambini dai 7 ai 12 anni, ed insegnanti ed educatori con provenienza da diversi paesi del mondo: Italia, Russia, Bangladesh, Sri Lanka, Pakistan, etc... Una giornata mirata al superamento delle barriere culturali ed alla formazione ai bambini sulla storia della CGIL, sui nostri valori, sull'area produttiva di Porto Marghera, sui temi della chimica, la sostenibilità ambientale, l'intreccio col territorio ed il riconoscimento della nostra organizzazione da parte dei bambini che ne sentono parlare dai genitori che lavorano alla Fincantieri.

Una bellissima esperienza formativa e culturale...


 

 

Categoria: CATEGORIE

 

 

BREAD AND ROSE - Regia di Ken Loach, è un film uscito in Italia nel 2010 "IL PANE E LE ROSE".

In questo film la lavoratrice deve e vuole avere il Pane e le Rose. E' la storia di una protesta per una società più equa e felice. La FLC-CGIL di Venezia è qui con una sua delegazione per offrirvi, augurarvi ed augurarci il Pane e le Rose, con un rito simbolico. La vostra battaglia è la nostra per la difesa di questo luogo, simbolo della democrazia sindacale e di questo territorio. Una battaglia per il lavoro pieno e dignitoso. Per qualità della vita in fabbrica e nel territorio dove si abita.

IL DIRITTO DI VIVERE, NON SOLO DI ESISTERE.

SI, VOGLIAMO IL PANE E ANCHE LE ROSE.


Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

 

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

 

Categoria: CATEGORIE

 

 

Molti giovani lavoratori, io compreso, abbiamo sempre considerato il 1° maggio come un semplice ponte per far festa, senza mai chiederci il vero significato della ricorrenza. Ora alla soglia degli “anta” e con qualche domanda esistenziale in più sulle spalle, sono giunto alla conclusione che la cosa più importante che le persone hanno non sono né i soldi, né la macchina, la squadra del cuore ecc…ma il TEMPO. Il tempo, che scorre inesorabilmente e nessuno ti darà mai indietro. Proprio da questo concetto, dopo varie ricerche, sono arrivato al primo maggio, La Festa dei Lavoratori, ma perché? Ebbene detta in soldoni 8, 8, 8. Infatti a Parigi, il 20 luglio 1889, durante il congresso della Seconda Internazionale, si stabili che le giornate dovessero essere così suddivise: 8 ore per il lavoro, 8 ore per il riposo e 8 ore per il tempo libero, si avete letto bene, Tempo Libero, quella fu la più grande conquista dell’umanità in epoca moderna dal mio umilissimo parere. Ora vi chiederete perché il primo maggio e non 20 luglio, presto detto, la data del 1° maggio venne scelta perché esattamente 3 anni prima, a Chicago, iniziarono gli scioperi per ridurre la giornata lavorativa a 8 ore (in quegli anni i lavoratori non avevano diritti e le giornate potevano durare sino a 16 ore in condizioni che dire precarie è un eufemismo), che nei giorni a seguire portarono disordini e culminando con il massacro di Haymarket del 4 maggio, dove morirono 11 persone. Proprio a quegli “EROI” perché così devono essere considerati, che scioperarono rischiando la vita, oggi a più di 130 anni di distanza dobbiamo dire Grazie. Grazie perché la settimana lavorativa è al massimo di 40 ore settimanali, Grazie perché il loro coraggio ha poi portato ad altri grandi successi sindacali, Grazie perché nonostante tutto abbiamo delle leggi che ci tutelano ed un ultimo Grazie a tutti coloro che continuano a lottare affinché i diritti dei lavoratori migliorino giorno per giorno.

Buon 1° maggio, Buona festa dei lavorati a tutti voi.

 

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

 

Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait

TWITTER

La Gente con noi . . . noi con la Gente