CATEGORIE

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

Susanna Camusso CGIL e Nicoletta Zago FILCTEM CGIL VENEZIA. Foto: parliamodilavoro.it

 

Il lavoro, questo sconosciuto.

Le politiche del governo hanno consentito di evitare il peggio, afferma Susanna Camusso a La Stampa ma, aggiunge, di sicuro non hanno portato il paese fuori dalla crisi. 

Crescita zero, deflazione, nessuna ripresa della fiducia di imprese e consumatori. Lavoro al palo.

Nel caso di quello giovanile, l'andamento ha subito un ulteriore calo.

Il Jobs Act ha "drogato" i dati del mercato occupazionale. Poi quando l'effetto bonus è terminato e l'ISTAT ha messo fuori le nuove percentuali, tutti i nodi sono tornati al pettine, perfino rafforzati, se possibile.

Cambiare tutto per non cambiare nulla. La politica dei grandi proclami e dei grandi slogan mostra di nuovo i suoi risultati: il paese è fermo.

I sacrifici richiesti sono tanti. I risultati sono nulli. 

I giovani se vogliono costruire, possono accomodarsi all'estero.

Emigrare in paesi limitrofi dove pure le difficoltà non mancano, ma dove talvolta si mettono in pratica misure poco popolari pur di curare drasticamente "anomalie croniche" del tessuto sociale.

Il governo Renzi ha presentato in pompa magna le potenzialità del Jobs Act. Spieghi ora perché le assunzioni a tempo indeterminato hanno subito una battuta d'arresto. E perché i voucher sono esplosi. Perché gli ammortizzatori sociali a carattere universalistico sono spariti dall'agenda e perché le donne, specie al sud, continuano a rimanere fra coloro che non riescono a lavorare.

Ammettiamo pure che tra non più di mezzo secolo intelligenze artificiali e robot prenderanno il posto delle braccia e menti umane nell'ambito della produzione. E ammettiamo che la sopravvivenza delle persone sarà sempre meno legata allo scambio tra un salario e il lavoro, con l'estensione del reddito di cittadinanza (rivedi la puntata di Presa Diretta del 5 settembre 2016: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-7ec6bf90-b049-450f-81ee-ee0cf8ee0426.html#p=).

Parliamo di lavoro pertanto per quello che riguarda strettamente il presente. Visto che per l'immediato futuro non è prevista neppure l'apertura di un dibattito in merito.

Apprendiamo con piacevole stupore dalle parole del segretario generale della CGIL, S. Camusso che il governo ha leggermente modificato negli ultimi tempi l'atteggiamento di esclusione iniziale nei confronti del sindacato e sembra timidamente iniziare a dialogare con le parti sociali.

Forse possiamo ben sperare in qualche risposta, alle molte domande messe da mesi sul tavolo dell'esecutivo, meritevoli di attenzione se non altro perché Renzi deve pur immaginare un futuro per il suo partito e, speriamo, per il paese, fatta salva l'immagine da copertina patinata da continuare a dover dare all'estero.

 

di parliamodilavoro.it

 

 

 

 

 

Categoria: Rassegna Stampa

 

FOCUS RETE VENETA, LA PUNTATA DI MERCOLEDI' 27 LUGLIO, CON L'INTERVENTO DI RICCARDO COLLETTI SU PORTO MARGHERA:

Prima parte: verso la fine (da 1.20.00 circa)

clicca sul link:

http://www.reteveneta.it/Video.aspx?search=focus 

Categoria: Rassegna Stampa

 

 

Foto Expo Venice, fonte: web

 

L'ARTICOLO DI VENEZIA TODAY, 22 GIUGNO 2016: 

http://www.veneziatoday.it/cronaca/expo-venice-istanza-fallimento.html 

Dichiarato il fallimento di Expo Venice

Insolvenze per milioni di euro, Expo Venice dichiara il fallimento

La lunga crisi, iniziata con il flop di Aquae 2015, si è chiusa mercoledì, con l'amministratore Giuseppe Mattiazzo che ha presentato istanza, dopo quelle dei creditori dei mesi passati

Dichiarato il fallimento di Expo Venice

Expo Venice, c'è il fallimento. Come riportano i quotidiani locali, la crisi mai finita della società, iniziata oltre un anno fa, ha portato i dipendenti, ma anche fornitori e Vela, che avanza circa 300mila euro, a presentare numerose istanze.

Troppi i reclami, con debiti che si aggirerebbero sui 10 milioni di euro, che hanno portato lo stesso amministratore unico della società, Giuseppe Mattiazzo, a presentare istanza di fallimento in proprio mercoledì mattina. I problemi, per Expo Venice, sono nati a monte, con il flop di Aquae 2015, quello che doveva essere l'unico evento collaterale dell'Expo di Milano, e dal quale ci si aspettavano almeno 800mila visitatori. Ma furono solo 80mila, un decimo di quelle attese, le persone che decisero di visitare il padiglione.

Nel frattempo altre vicissitudini poco chiare hanno peggiorato la situazione. Umberto Roncisvalle, con Venezia 4.0, aveva promesso investimenti per 3 milioni mai arrivati, e le trattative con l'aeroporto di Rimini, socio di Expo, per avviare delle sinergie con la riviera romagnola, si sono concluse con un nulla di fatto, con una semplice proposta verbale alla fine del 2015. Tanti tentativi per risollevarne le sorti, risultati vani.

 
Da fine maggio a Venice Expo era rimasta la sola attività fieristica, dopo che la società KV srl di Venezia aveva affittato come ramo d'azienda le attività legate ad escursioni, trasferimenti, eventi, prenotazioni alberghiere per turisti, società e professionisti. Ma da allora il nulla più totale, da quando il gruppo Condotte si è di fatto ripreso il padiglione dopo lo sfratto esecutivo per non aver ricevuto oltre 700mila euro di affitti.

 

Categoria: Rassegna Stampa

 

http://www.rassegna.it/articoli/senza-incentivi-frenano-i-contratti-stabili-boom-dei-voucher

 

Lavoro
 
Senza incentivi frenano i contratti stabili
 
19 luglio 2016 ore 17.27
 
Dati Inps: nei primi cinque mesi assunzioni a tempo indeterminato -78%, voucher +43%. Fammoni (Fondazione Di Vittorio) a RadioArticolo1: "Non c'è nessuna crescita. Il 70% dei nuovi rapporti è precario. Nel 2016 saranno venduti più di 130 milioni di buoni"
 
 
 

Frenano i contratti stabili, aumenta la precarietà, volano i voucher. E' quanto emerge dai dati diffusi oggi (19 luglio) dall'Inps, che si riferiscono ai primi cinque mesi del 2016. Tra gennaio e maggio, rileva l'Istituto, sono stati stipulati 712.007 nuovi contratti a tempo indeterminato, comprese le trasformazioni, mentre le cessazioni sono state 629.936 con un saldo positivo di 82.071 unità. Si tratta di un -78% rispetto al saldo positivo di 379.282 contratti stabili dei primi cinque mesi 2015, dato che risente della riduzione degli incentivi per le assunzioni.

Le assunzioni dei datori privati sono state 2.076.000, con una riduzione di 263.000 unità rispetto al corrispondente periodo del 2015 (- 11,2%). Questo rallentamento ha coinvolto essenzialmente i contratti a tempo indeterminato: -280.000, pari a -34% sui primi cinque mesi del  2015.  "Il calo - evidenzia l'Inps - è da ricondurre al forte incremento delle assunzioni a tempo indeterminato registrato nel 2015, anno in cui dette assunzioni potevano beneficiare dell'abbattimento integrale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un periodo di tre anni".

Da registrare poi la forte contrazione del flusso di trasformazioni a tempo indeterminato (-37%). Per i contratti a tempo, nei primi cinque mesi del 2016, si registrano 1.441.000 assunzioni, in linea con gli anni precedenti (+ 0,6% sul 2015, e + 1,2% sul 2014). Crescono le assunzioni in forma atipica: quelle con contratto di apprendistato sono state 90.000, con un incremento del 10,4% sul 2015. Le cessazioni complessivamente risultano diminuite dell'8,9%.

Nel periodo gennaio-maggio 2016 sono stati venduti 56,7 milioni di voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di 10 euro, con un incremento, rispetto ai primi cinque mesi del 2015, pari al 43%. Questo un altro passaggio della rilevazione: nello stesso periodo del 2015 la crescita dell'utilizzo dei voucher, rispetto al 2014, era stata pari al 75,2%.

"Da una prima lettura dei dati c'è una frenata impressionante dei contratti a tempo indeterminato. In carenza del meccanismo degli incentivi, poi, si dimostra che l'andamento dell'economia non è in grado di fornire occasioni di lavoro per colmare il gap". Lo dichiara il presidente della Fondazione Di Vittorio, Fulvio Fammoni, ai microfoni di RadioArticolo1. "Fuori dalla logica degli incentivi - quindi - non c'è una crescita dell'economia in grado di assicurare nuovi posti di lavoro".

La precarizzazione "torna ad aumentare", osserva Fammoni: "Quasi il 70% dei nuovi rapporti di lavoro è instabile. E poi c'è un vero e proprio boom dei voucher, ovvero il massimo dell'instabilità, che rappresentano un grave problema per le persone. Se si conferma la tendenza quest'anno supereremo i 130 milioni di voucher venduti nell'arco di tutto il 2016. Uno strumento non solo ingiusto, ma che può anche nascondere dentro di sé ulteriori meccanismi di sfruttamento e frode".

Sulla capacità di intervento del governo, infine, "temo che il meccanismo messo in atto dal ministero del Lavoro non sarà in grado di intercettare lo sfruttamento e riportarlo ad una situazione normale".

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

È nostra intenzione attraverso questo comunicato rendere noto a tutti i lavoratori e a chiunque ritenesse opportuno, che abbiamo istituito un numero verde (041 5491244) per denunciare contraffazioni e illegalità nel sistema vetro a Murano. Garantiamo che verrà mantenuto sempre e in ogni caso l’anonimato di chi telefona per segnalare. 

 

Pochi giorni sono trascorsi dalla manifestazione provocatoria a Murano, dove con maschere bianche abbiamo sfilato per le calli e di fronte alle fabbriche.

Ci siamo coperti non di certo per nasconderci.

Ma per far capire usando simboli forti che i lavoratori e gli imprenditori che credono al sistema produttivo di Murano vengono ormai considerati dei fantasmi, quasi un ricordo del passato superato da una logica di carattere commerciale e dal potere del profitto, che se ne infischia della storia dell’arte del vetro e del valore stesso dell’isola.

Ebbene, per noi la manifestazione è soltanto l’inizio di quello che abbiamo intenzione di mettere in campo.

Continueremo, come sempre abbiamo fatto, nella lotta per difendere questo patrimonio, con tutte le iniziative del caso.

Che direzione controproducente si sta cercando di imprimere alle attività produttive di Murano?

Chi sono i responsabili di questa caduta libera, della totale inefficienza programmatica e strutturale che molte imprese stanno subendo? Alcuni soggetti li abbiamo individuati e sono i diversi imprenditori attratti da una logica di profitto immediato, che si lega sostanzialmente solo ad attività espositive e a promozioni di carattere turistico e ai quali non interessa se il vetro viene prodotto a Murano o meno, interessa però il mantenimento di un marchio muranese, visto che da esso si può trarre beneficio economico.

E veniamo a Confindustria Venezia.

A nostro avviso l’organizzazione imprenditoriale, invece di puntare sulla protezione della produzione  del vetro veneziano, ha difeso iniziative come quella della società Formia.

Un’azienda sicuramente in difficoltà. Ma che secondo gli slogan lanciati dai nuovi soggetti al vertice che ne assunsero la direzione, doveva risorgere.

La Formia poco dopo fallì (solo l’impegno di uno sparuto gruppo di lavoratori ne salvò le sorti, consentendo di riavviare la produzione).

Ma all’epoca dov’era Confindustria? Cos’ha fatto per impedirlo?

Oggi temiamo che ci toccherà a rivivere quella stessa situazione, ora che abbiamo iniziato un vertenza con Damiani-Venini.

Comprendiamo la libertà d’impresa che è l’essenza di ogni nuova avventura produttiva.

Ma quando l’imprenditorialità è vuota del suo spirito, cioè priva dell’attaccamento e della passione per ciò che crea con paziente applicazione e dedizione, non si può più definirla tale.

Allora ci chiediamo, cos’è impresa per Confindustria Venezia?

Come difende le attività produttive, se queste stanno gradualmente abbandonando Murano o stanno chiudendo i battenti, come stava per accadere a Formia?

Poco tempo fa arriva a Murano la Damiani gioielli, acquisisce al 60% la Venini e come primo passo licenzia direttamente un’intera piazza di lavoro, senza presentare indirizzi chiari sulla strategia industriale, sui piani di tenuta della società e sulle scelte che intende mettere in campo.

Di nuovo Confindustria non proferisce parola.

Non tanto sui licenziamenti dei 4 lavoratori.

Ma neppure sulla conservazione e mantenimento delle attività nel territorio.

Perché Confindustria non si schiera apertamente denunciando le contraddizioni che favoriscono questa continua destrutturazione industriale?

Ci lascia senza parole constatare come puntualmente non sostenga con fermezza la necessità di mantenere la produzione viva e sana in loco.

Tornando al licenziamento dei lavoratori, Damiani-Venini ha consegnato la lettera con il provvedimento anche ad un nostro delegato sindacale.

Guarda caso quello che si occupava della sicurezza degli impianti e dei lavoratori all’interno dei luoghi produttivi.

Come possiamo interpretare questo modo di agire aziendale, se non come la volontà di eliminare chiunque venga percepito come un’interferenza al libero arbitrio ?

Di sicuro questi licenziamenti non hanno fatto che contribuire a creare tensione e paura fra i lavoratori.

Mentre come Filctem Cgil Venezia ci preoccupiamo perché non avere un delegato in fabbrica significa abbassare la sicurezza e peggiorare la qualità del lavoro.

Ci viene da pensare che non sia interesse di Damiani mantenere e arricchire qui la produzione. 

Il sindacato FILCTEM CGIL si è sempre speso, e sempre lo farà, alla difesa dei lavoratori ma anche alla difesa delle attività produttive.

Prova tangibile di questo è un’azienda che si chiama “Berti”. Che è diventata come tutti sanno, un esempio di riconquista e riavvio dell’attività industriale, grazie al concorso delle varie parti in campo e grazie alla caparbietà dei lavoratori.

Un progetto che, ricordiamo, non avrebbe visto la luce se fosse stato per Confindustria Venezia che l’aveva data per spacciata, condannando i lavoratori ancora una volta, vergognosamente, alla cassa integrazione e alla mobilità.

Mai nelle varie vertenze, abbiamo visto una presa di posizione seria e determinata di Confindustria Venezia a mantenere in piedi le attività produttive, anche di fronte alle difficoltà.

E fin troppe volte ci siamo dovuti arrangiare, avendo al nostro fianco persone determinate e l’appoggio, talvolta, delle istituzioni.

Perché un numero verde?

In primo luogo per denunciare chi nelle vende prodotti contraffatti.

E poi, motivo più importante, perché abbiamo la sensazione che molte aziende produttrici licenzino i lavoratori oppure ricorrano alla cassa integrazione, spostando la produzione all’esterno, fuori dall’isola o fuori dal paese addirittura, con costi del lavoro      sensibilmente più bassi e prezzi delle materie prime ridotti.

Con questo meccanismo e nella totale disattenzione generale, intere piazze produttive e un sistema intero, stanno scomparendo a Murano. Ad una velocità sempre più sostenuta.

E tale da farci ritenere che molti di coloro che sostengono la necessità di applicare il micro chip ai prodotti introdurre altri sistemi di certificazione o marchi, non abbiano il benché minimo interesse alla difesa del “made in Murano”.

Alla conservazione e protezione del fare sull’isola. Alla tutela del lavoro a Murano, nelle fornaci che hanno fatto per un millennio la storia del vetro veneziano.

Se ci arriveranno denunce ci faremo garanti come organizzazione per verificare se quanto ci è stato comunicato e a valle di quello faremo esposti specifici alla magistratura e agli enti competenti.

 

Il segretario generale

Riccardo Colletti

 

 

Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait

TWITTER

La Gente con noi . . . noi con la Gente