Comunicati Filctem e CGIL

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

Nella nuova piattaforma di rinnovo del CCNL chimico siamo in presenza di alcuni fattori: la scadenza dell’EDR che si attesta a circa € 40.00 ma anche la difficoltà di interpretazione che Confindustria vuole dare all’ultimo accordo interconfederale che disciplina alcune questioni centrali per i rinnovi dei contratti. Uno in particolare è sul salario minimo garantito, in questo caso noi non abbiamo alcuna intenzione di far diventare una tariffa questa voce perché metterebbe in discussione soprattutto la disciplina con cui abbiamo gestito gli ultimi rinnovi proprio a partire dai valori punto.

Non è nostro costume discutere le scelte e le modalità con cui si chiudono altri contratti ma quello che è più evidente è che l’ultimo contratto dei metalmeccanici stranamente sposato e sostenuto da Confindustria crea ampie difficoltà di gestione ma soprattutto ci possiamo trovare di fronte a momenti in cui sia il primo che il secondo livello di contrattazione possono subire modifiche sostanziali.

Ovviamente siamo i primi che affronteranno la nuova fase di rinnovo dei contratti quindi abbiamo una grande responsabilità nel ripristinare alcune questioni di carattere contrattuale per evitare che ci sia una compressione specifica su tutti i contratti da parte di Confindustria.

Richiesta economica

Il nostro rinnovo avviene in una situazione economica e produttiva abbastanza buona diversamente dagli anni passati, il che ci mette in una condizione di fare una richiesta economica di 130€ (divisi ovviamente su indicazione chiara dei valore punto) che sia realmente esigibile ma soprattutto che sia immodificabile, a differenza di quanto avvenuto nei precedenti rinnovi.

Relazioni industriali

Questo è un capitolo fondamentale in quanto dev’essere sempre più stretto il sistema di relazioni industriali per definire sia le situazioni di crisi sia come intervenire, ma soprattutto per evitare che ci siano processi di delocalizzazione produttive e commerciali ma anche attraverso appositi coordinamenti degli osservatori, dei gruppi industriali che vengano esplicitati i piani industriali e allo stesso tempo i piani di investimento nei comparti chimici (non possiamo più assistere a situazioni come quella della Solvay che a nostro avviso non ha rispettato assolutamente il sistema delle relazioni industriali).

Organizzazione del lavoro

Da sempre il sistema chimico oltre a quello farmaceutico hanno utilizzato proposte innovative al fine di abbassare i costi e governare meglio i processi; la velocità con cui si muovono le tecnologie, diversamente dagli anni passati, impone un adeguamento continuo dell’organizzazione del lavoro, questo sistema per noi deve ruotare dentro un rispetto di etica sociale e di pieno coinvolgimento di tutte le parti in quanto i valori professionali che si sviluppano dentro questo aspetto vengono sempre sottovalutati e poco riconosciuti dal punto di vista economico, così come anche la gestione dei tempi. L’altra questione che merita una riflessione specifica è anche purtroppo l’innalzamento dell’età media delle aziende, sia negli impianti a ciclo continuo ma anche nelle attività commerciali. Su questo punto vanno attentamente valutate le riorganizzazioni del lavoro che devono tenere conto appunto delle anzianità degli addetti e dello stato di salute degli addetti.

Formazione

È ovvio che, se così come abbiamo registrato, vi è un innalzamento dell’età anagrafica diventa importante e centrale il ruolo della formazione perché dev’essere associata all’ingresso di nuove figure affiancante a chi ha esperienza maturata. Su questo punto va aggiunta anche una specifica verifica delle nuove professionalità e competenze che possono essere sviluppate dalle nuove tecnologie.

Mercato del lavoro

Deve continuare la nostra azione nell’aumentare e consolidare diritti e tutele evitando che ci siano sacche di gestione aziendale dove per abbassare i costi si cerca di usufruire di quanto previsto dalla Jobs Act, quindi devono essere valutati attentamente tutti i ricorsi alla flessibilità in genere che le aziende stanno utilizzando.

Salute e sicurezza

Nell’ultimo periodo quanto sta accadendo nel mondo del lavoro è preoccupante ed è possibile che tutte le morti a cui stiamo assistendo siano legate proprio alla precarietà in genere. Per questo abbiamo deciso di inserire nella piattaforma una figura nuova ovvero un responsabile della sicurezza di sito. Questa nuova figura a nostro avviso però dovrebbe non solo essere informato dei piani di sicurezza delle attività delle imprese e quant’altro, ma avendo una responsabilità specifica crediamo sia opportuno che come figura responsabile partecipi alla stesura dei bandi di appalto al fine di includere tutte quelle prerogative che permettano speculazioni in questo senso, proprio perché in molti appalti abbiamo visto che la questione della sicurezza è una delle voci che apre ad una competizione al ribasso tra i contraenti.

Welfare

Questo è un capitolo da una parte importante ma dall’altra potrebbe avere riflessi negativi se gestito male. Se parliamo di fondi bilaterali credo ci siano dei chiari vantaggi nei confronti dei lavoratori ma se invece parliamo dei carrelli spesa o benefici ad altro titolo non computabili al vero welfare è evidente che il sindacato ha un ruolo più residuale nella contrattazione, in quanto su quel welfare sono le aziende che stabiliscono attraverso una piattaforma le regole e i lavoratori, ovviamente, possono accettare o meno ottenendo un esiguo risparmio fiscale. Tutto questo però nuoce alla questione pensionistica ed è per questi motivi che bisogna avere una profonda attenzione nel dare maggiori garanzie e sostenibilità vera ai lavoratori.

Tra giugno e luglio faremo tutte le assemblee informative dove porteremo eventuali integrazioni alla piattaforma al fine di favorire un percorso di rinnovo contrattuale più partecipato. Nei prossimi giorni come segreterie territoriali ci riuniremo per stabilire le date delle assemblee.

 Riccardo Colletti

Segretario generale FILCTEM CGIL Venezia

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 


Apprendiamo dalle dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa del 3 giugno, che CFM Ambiente è completamente scollegata a CFM Company Futura Marghera. Da tempo abbiamo chiesto alle 2 società di fare un incontro congiunto per chiarire i nostri dubbi sui legami tra CFM Company e CFM Ambiente, sempre rifiutato. Rifiuto che non ci ha mai permesso di avere le delucidazioni in merito.

Leggiamo dai giornali e da dichiarazioni ufficiali a noi pervenute, che il socio Strada dovrebbe nel tempo assumere un ruolo marginale all'intero di CFM Ambiente, nata da una cessione di ramo aziendale dalla CFM Company. Pur apprendendo che il signor Strada uscirà nel tempo da CFM Ambiente, pare essere confermata ad oggi la nostra dichiarazione rispetto la sua rilevante posizione come socio di maggioranza.

Appare chiaro come un incontro avrebbe permesso ai rappresentanti dei lavoratori di chiedere spiegazioni sul progetto aziendale, sulle strutture societarie e chiarire come vengono gestiti i distacchi dei lavoratori tra le 2 società. Riteniamo importanti questi confronti, soprattutto in fasi difficili per i lavoratori e, non averli accettati, è per noi un errore che amplifica i problemi. Ci interesserebbe fare molte domande alle 2 società: capire il piano industriale di CFM Company Futura Marghera, considerando la riduzione dell'organico passato in CFM Ambiente, risolvere una volta per tutte i ritardi sui pagamenti degli stipendi, e capire come vengono gestiti i lavoratori nelle 2 società.

Siamo contenti che dopo i nostri articoli di questi giorni la CFM Ambiente abbia presentato ai lavoratori, attraverso un'assemblea, progetti e prospettive per il futuro, tranquillizzandoli sul fatto che si sta lavorando per pagare tutti gli arretrati degli stipendi; forse in un incontro avrebbero potuto spiegarlo anche a noi, e attendiamo lo facciano in un tavolo ufficiale perché alcuni progetti è da tempo che li sentiamo e non dall'amministratore. Speriamo che dopo molti mesi di ritardi sugli stipendi, finalmente i lavoratori abbiano una tranquillità economica e che tali progetti si concretizzino.

Le domande che noi come organizzazioni sindacali ci poniamo sono: bisognava arrivare a mezzo stampa? La presentazione ai lavoratori di tali progetti non poteva essere fatta prima, quando i lavoratori stessi chiedevano a noi chiarimenti e soldi per vivere ed evitare debiti? Come hanno intenzione di saldare le somme arretrate? Come sindacati siamo disponibili a un confronto sul futuro di queste due società, ricordando che lo scopo del sindacato è rappresentare i lavoratori che lavorano, e non quelli che sono senza stipendio o lavoro.

Davide Stoppa e Francesco Coco

Filctem Cgil Venezia e Femca Cisl Venezia

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

I giorni 19 e 20 giugno si terranno le elezioni del fondo pensione integrativo PEGASO, del settore Gas Acqua, su base nazionale per tutti gli iscritti. L’appuntamento è importante perché sempre di più i fondi pensionistici contrattuali ricoprono un ruolo centrale per l’integrazione economica delle pensioni, per la contrattazione nazionale e territoriale, ma anche perché si stanno sviluppando scelte nazionali su anticipi pensionistici legati agli stessi.

Le elezioni diventano quindi importanti per determinare i nomi di dei rappresentanti del fondo e di conseguenza le politiche future sostenute da FILCTEM CGIL. Riteniamo che alcuni punti non siano più derogabili e vadano trattati non solo nei contratti ma anche nelle leggi nazionali. Serve dare un maggior supporto fiscale ai fondi, garantire una pensione dignitosa per i giovani, una flessibilità maggiore di uscita per il pensionamento, una rivisitazione della legge Fornero, un lavoro dignitoso che permetta di avere diritti e garanzie contributive. Nel territorio veneziano abbiamo candidato un nostro delegato, lavoratore di Veritas, che vi invitiamo a sostenere dando il voto alla lista FILCTEM CGIL. Abbiamo, anche in questa tornata elettorale, voluto inserire un nostro referente perché riteniamo importante avere qualcuno che colga le discussioni e le proposte del territorio per poi trasferirle all’interno del Fondo Pegaso. Nelle immagini le sintesi di quanto rende il fondo, con le opportune differenze tra rendimento nei confronti del TFR, dove si capiscono bene i ritorni per la futura pensione, i rendimenti e la tassazione agevolata.

Vi invitiamo quindi, a partecipare al voto dei giorni 19 e 20 per la lista FILCTEM CGIL

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

"Scatta un nuovo conto alla rovescia per le attività produttive muranesi: eliminare il cadmio non sarà una cosa semplice, così come avvenne per piombo e arsenico, questi prodotti chimici determinano le famose e uniche colorazioni dei prodotti muranesi", esprime così la propria preoccupazione il sindacato Filctem Cgil di Venezia, di fronte alle scadenze che sarebbero state indicate in sede europea, per l'interruzione dell'utilizzo della sostanza.

"Decisione europea"

La Comunità Europea in questa decisione ha anche fornito date precise. Nulla da dire su questo, visto che si tratta di questioni legate alla sicurezza e all'ambiente, ma su altre questioni invece abbiamo delle pretese, a partire dal fatto che ci deve essere una ricerca e applicazione prevalentemente fatta a Murano, visto che abbiamo tutte le prerogative per farlo e per continuare la produzione originale. Senza mezzi termini vogliamo ribadire il fondamentale ruolo del Centro Sperimentale del Vetro di Murano, che potrebbe utilizzare i fondi specifici stanziati dalla stessa Comunità Europea, oltre che i fondi nazionali e regionali.

"Rischio perdita della storica qualità a Murano"

Come possiamo difendere una produzione unica al mondo, se pensiamo di farlo solo con marchi ed etichette? Abbiamo poco tempo per agire, non possiamo sottovalutare la questione. Chiediamo a Confindustria e al mondo dell'artigianato una seria presa di posizione a difesa dei costi e delle attività che rischiano di avere una competizione con prodotti fatti in altri paesi, in cui, nelle composizioni, ci sarà comunque la presenza di cadmio, arsenico e anche piombo, mentre i prodotti muranesi non saranno in grado di mantenere la loro storica qualità.

Riccardo Colletti e Michele Pettenò

Filctem Cgil Ve

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

Care compagne e cari compagni, il Paese sta attraversando una crisi istituzionale e politica che ha tratti inediti e particolarmente gravi. L'attacco portato in queste ore al ruolo istituzionale del Presidente della Repubblica oltrepassa la normale dialettica politica e colpisce i principi fondanti che regolano i rapporti tra poteri dello Stato come definiti nella nostra Carta Costituzionale.

La CGIL, quale soggetto protagonista nei lavori dell'Assemblea Costituente e che ha contribuito al pari di tutte le forze politiche e sociali alla sua costruzione, ritiene indispensabile in una situazione che consideriamo di vera e propria emergenza democratica, la compattezza dell'organizzazione e del suo gruppo dirigente, un saldo rapporto unitario con CISL e UIL e con le altre Associazioni che con noi da sempre difendono lettera e sostanza della Costituzione repubblicana. Sono condizioni indispensabili e necessarie affinché nel Paese si affermi un forte movimento democratico a difesa della Costituzione, delle prerogative e del ruolo del Presidente della Repubblica e delle Istituzioni democratiche.

Ciò non significa che vi possano essere giudizi articolati sulle fasi complesse e contraddittorie che hanno contraddistinto e contraddistinguono lo svilupparsi delle vicende politiche ed istituzionali a seguito del risultato delle elezioni del 4 marzo scorso ma non può essere in discussione l'unità di tutta la CGIL nel difendere il diritto/dovere del Presidente di esprimere le proprie opinioni e valutazioni e nel respingere con ferma determinazione gli attacchi volgari e le suggestioni irresponsabili di messa in stato d'accusa del Presidente della Repubblica. 


Occorre rinsaldare, tra militanti e iscritti, attraverso la discussione e un confronto pacato, il nostro orientamento strategico: vogliamo più Europa, ma la vogliamo differente, non prona ai desiderata e alle logiche della finanza internazionale; chiediamo che il nostro Paese si batta, nelle sedi opportune, per un deciso cambio di politica economica e sociale da parte dell'Unione Europea. Anche per questo, diventa fondamentale come sindacato confederale rivendicare che i problemi, le attese e gli interessi di lavoratori, pensionati, giovani e disoccupati siano al primo posto nell'agenda istituzionale e politica del nostro Paese.

Si affaccia a breve l'ipotesi di una nuova consultazione elettorale in un contesto economico e sociale molto grave: disoccupazione in generale e in particolare giovanile, precarietà, incertezza, tagli costanti a sanità e stato sociale, mancanza di futuro, povertà e rischio di povertà. È evidente che la CGIL, a fronte degli interventi che in campo economico e sociale si determineranno nei mesi che ci separano dalle elezioni, manterrà la propria autonomia di giudizio rispetto alle soluzioni proposte. Tutto questo deve caratterizzare posizioni e iniziative della CGIL nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Nella consapevolezza che la forte spinta sovranista attualmente presente si unisce ad un disegno sempre più esplicitamente autoritario, xenofobo ed anti istituzionale che noi abbiamo il dovere di contrastare

 

 

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

 

 

Lo scorso 16 maggio si è svolto, non senza difficoltà organizzative, l'incontro fra le Rappresentanze Sindacali nazionali e territoriali, e le società Esso e Sonatrach, nella sede della Raffineria di Augusta.

L'incontro, oltre a conoscere la società algerina Sonatrach, le sue attività produttive, il suo business, e le sue esigenze di saturare il proprio mercato interno di prodotti derivati dalla lavorazione del petrolio, non ha di fatto né chiarito le perplessità da noi avanzate sull'operazione, né consentito di ricevere risposte concrete sul futuro industriale delle raffinerie e dei depositi di Napoli, Palermo e Augusta.

L'incontro, si è limitato alla sola presentazione dei vertici di Sonatrach, senza affrontare i vari nodi di questa operazione e le condizioni che riguardano complessivamente circa 700 lavoratori coinvolti nella cessione delle attività ed oltre un migliaio di altri lavoratori dell'indotto. Non è stato chiarito se, e quali investimenti, oltre a quelli già programmati per la fermata del 2019 della raffineria, saranno prodotti dalla Sonatrach per garantire un futuro produttivo a queste realtà industriali presenti in Sicilia e a Napoli.

Con la Esso debbono riprendere immediatamente i confronti per conoscere le prospettive industriali che questa multinazionale rivolge alle attività nel nostro Paese, ormai non più sorrette da un sistema integrato nella filiera del petrolio. Bisogna comprendere al più presto, se la Esso ha avviato una progressiva e graduale politica di disimpegno che la porta nel medio periodo ad uscire dall'Italia, con la precarizzazione e la dismissione delle attività ancora presenti, che vedono anche in questo comparto oltre 600 lavoratori impegnati nelle Raffinerie SARPOM, nei depositi di Chivasso, Arluno, Genova, allo stabilimento di Vado Ligure, oltre alla sede di Roma e alle attività della chimica e del commerciale.

Anche la subentrante Sonatrach deve comprendere che non può sottrarsi a un confronto continuo con le organizzazioni sindacali. Abbiamo chiesto a Sonatrach la sottoscrizione di un protocollo di relazioni industriali che, in linea con le consuetudini del settore nei grandi gruppi, possa servire a condividere le iniziative necessarie per garantire oltre agli attuali livelli occupazionali, investimenti necessari a dare una prospettiva duratura alle attività industriali integrate in un territorio particolarmente complesso ed importante. Sarà perciò necessario che in un tale contesto venga confermato quel modello di relazioni che, attraverso una governance articolata fra confronti nazionali e locali, garantisca uno stretto coordinamento delle future trattative e gli eventuali interventi da mettere in campo.

Per queste ragioni, come sindacato, nel confermare tutte le iniziative già avviate sia al ministero delle Sviluppo Economico, sia con le amministrazioni locali, siamo pronti a un inasprimento della mobilitazione dei lavoratori, qualora non si avviassero rapidamente seri confronti sui diversi tavoli per garantire continuità e prospettive per una attività nevralgica agli interessi più generali del nostro Paese. Questa operazione potrebbe aprire uno scenario molto pesante nei vari siti di raffinazione ma anche avere grosse ripercussioni nel sistema della logistica dei prodotti raffinati. Questa nuova modalità di relazioni industriali preoccupa fortemente lavoratori e sindacato estromessi dalla discussione per non affrontare i temi veri.

 

 

Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait

TWITTER

La Gente con noi . . . noi con la Gente

Comunicati Filctem e CGIL

  • FILCTEM-CGIL, ELETTA LA NUOVA SEGRETERIA NAZIONALE

     

     

    L’assemblea generale della Filctem-Cgil nazionale ha eletto oggi, con voto segreto, la nuova segreteria nazionale con 171 (95%) voti a favore, 6 (3,3%) contrari e 3 astenuti (1,7%).
    Hanno votato 180 componenti dell’assemblea (l’84,1%) su un totale di 214 aventi diritto. Nella nuova segreteria nazionale si segnalano due nuovi ingressi: Massimo Marani e Ilvo Sorrentino, rispettivamente ex segretario generale dalla Filctem Cgil di Ravenna e attuale segretario generale della Filctem Cgil del Lazio. I due nuovi componenti subentrano a Luca Barbetti e Gabriele Mazzariello. La nuova segreteria nazionale risulta pertanto così composta: Emilio Miceli, segretario generale; Claudio Bettoni, Marco Falcinelli, Massimo Marani, Elena Palumbo, Sonia Paoloni, Ilvo Sorrentino.
    Roma, 5 febbraio 2019

     
  • COMUNICATO STAMPA

     

     


    Apprendiamo dalla stampa locale che esponenti di primo piano del governo Lega e Movimento 5 Stelle, insieme al presidente della Regione del Veneto e al Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia, danno per scontata la permanenza delle grandi navi passeggeri in laguna e lo spostamento delle attività crocieristiche dalle banchine della Marittima di Venezia a Porto Marghera. Già in passato come FIOM e FILCTEM di Venezia abbiamo avuto modo di esprimere, per ragioni di merito, la nostra contrarietà allo spostamento delle grandi navi a Marghera perché inconciliabile con la prosecuzione delle attività produttive di Porto Marghera e la salvaguardia dell’occupazione, e perché propedeutica ad un cambio speculativo di destinazione d’uso delle aree di Marghera da industriale a turistico - commerciale.  L’inserimento per Legge di Porto Marghera e del comune di Venezia nelle aree di crisi industriale complessa non ha finora prodotto alcun progetto concreto di reinsediamento industriale e di nuova e qualificata occupazione. Su questo, e non sul cambio di destinazione d’uso delle aree di Marghera, il governo e le istituzioni locali sono chiamate a rispondere per diversificare le attività economiche nel territorio veneziano e contribuire ad una programmazione dello sviluppo e delle attività manifatturiere di Porto Marghera fondata su nuovi investimenti e su progetti ad alta innovazione tecnologica, di processo e di prodotto

    Coniugare la sostenibilità ambientale di Venezia con lo sviluppo e la capacità di creare nuova occupazione nel territorio è possibile a patto che si smetta di sperperare ingenti risorse pubbliche per faraonici progetti pensati per favorire in primo luogo le lobbies turistiche e quei potentati economici e speculativi che hanno impoverito e svuotato il centro storico, distrutto attività economiche e produttive storicamente legate alla città e alla sua vocazione industriale e manifatturiera. Servono al contrario, in applicazione della Legge sulle aree di crisi industriale complessa, investimenti in nuove attività produttive e di servizio per riequilibrare una economia, quella veneziana, oggi troppo sbilanciata sul turismo e sullo sfruttamento dei lavoratori.

    Di questo chiediamo conto al Governo e ai suoi ministri, alle istituzioni locali, alla Confindustria, per non perdere l’ennesima occasione data dall’inserimento di Porto Marghera nelle aree di crisi industriale complessa e nel tentativo di produrre il necessario cambiamento delle scelte politiche che hanno finora penalizzato la città e i lavoratori di Porto Marghera.

    Chiediamo pertanto l’apertura di una discussione con il governo su Porto Marghera e sulla città per rimettere al centro i temi del lavoro, degli investimenti e dell’assetto industriale del territorio veneziano.

     Marghera 13 novembre 2018

     Segreteria FIOM CGIL e FILCTEM CGIL di Venezia

     


     

     
  • XVIII Congresso Cgil, mercoledì 19 l'assemblea al Capannone


     

     
  • Enel: Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil preoccupate per la cura dimagrante delle risorse umane


     

     

    L’assessore regionale al Lavoro, Elena Donazzan, e il capogruppo in regione della Lega Nord, Nicola Finco, assistititi dall’Unità di crisi della Regione Veneto, hanno incontrato a Venezia, nella sede della Regione, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali regionali e territoriali dei lavoratori di Enel. I sindacati hanno espresso le loro preoccupazioni in merito al numero degli attuali occupati Enel in Veneto e, di conseguenza, sulla qualità del servizio che l’azienda sarà in grado di garantire nel territorio regionale. L’assessore e il capogruppo del partito di maggioranza hanno assunto l’impegno di invitare i vertici aziendali Enel a un incontro di confronto in regione, da organizzarsi a settembre, con la partecipazione delle organizzazioni sindacali dei lavoratori.

    'Cura dimagrante'

    Da molti anni Enel, spiegano i sindacati, una delle più importanti società italiane a carattere multinazionale, sta mettendo in atto una lenta e costante cura dimagrante delle risorse umane nelle varie divisioni. Da aprile il personale di E-distribuzione del Veneto è in stato di protesta attraverso il blocco degli straordinari, dello spostamento d’orario e delle ore viaggio eccedenti il normale orario di lavoro perché la pesante riduzione del personale, pari al 23% in dieci anni di riorganizzazioni, ha fiaccato tutto il personale. Ora la situazione si è aggravata ulteriormente, specie per il territorio del Veneto, a seguito delle pesanti riorganizzazioni che nelle varie società Enel vuole mettere in campo da qui a fine anno: chiusura dei Punti Enel per i clienti del mercato di Maggior Tutela, riduzione del personale nella Centrale di Fusina (Porto Tolle è ormai definitivamente “spenta”), accorpamento delle strutture territoriali di E-distribuzione, riorganizzazione nell’ambito delle rinnovabili. Tutte queste riorganizzazioni penalizzano fortemente il Veneto. Per questo, sostenuti anche da un’azione nazionale unitaria a tutela del servizio, dei cittadini e del nostro territorio, abbiamo segnalato la situazione alle istituzioni e alla politica del Veneto. 

    Incontro positivo

    Le segreterie regionali del Veneto della Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil hanno illustrato all’assessore Elena Donazzan, delegata dal presidente, la situazione in cui versa il gruppo Enel nel Veneto e le possibili ricadute negative che le scelte, recentemente presentate ai sindacati, porterebbero al servizio e alla stessa occupazione. L’assessore Donazzan, sentite le criticità illustrate, si è impegnata a convocare tutte le parti, azienda e sindacati, per i primi giorni di settembre. Filctem, FlaeI, e Uiltec valutando positivo l’esito dell’incontro, e visto l’impegno della Regione Veneto, auspicano che vengano riconosciute le giuste istanze da parte della Società Enel.