Comunicati Filctem e CGIL

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

 
Con la presente siamo a comunicarvi che in data 6/5 dalle ore 16.00 si terrà un'assemblea pubblica per tutti i lavoratori Veritas settore idrico presso Campo Santo Stefano, in concomitanza con l'incontro prefettizio, per trovare soluzioni all'interruzione della trattativa sull'accordo integrativo che riguarda le seguenti tematiche:
-flessibilità orario di lavoro
-pagamento reperibilità
-orario di lavoro impiegati e direttivi
-orario di lavoro part-time 
 
 
Per qualsiasi informazione Davide Stoppa 333 1149880
Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

MERCOLEDI’ 06 MAGGIO 2015

DALLE ORE 15.30 A FINE TURNO

PRESSO CAMPO SANTO STEFANO - VENEZIA

 

SI TERRA’ UN’ASSEMBLEA RETRIBUTITA PER TUTTI I LAVORATORI OPERANTI PRESSO LE ULT DI VENEZIA,  MOGLIANO EX-SPIM, SCALTENIGO EX-ACM E CHIOGGIA EX-ASP  CON IL SEGUENTE ORDINE DEL GIORNO:

 

  • CONVOCAZIONE PREFETTO
  • VARIE ED EVENTUALI

 

I tempi necessari per il raggiungimento della sede di assemblea e per il ritorno alla sede di servizio  variano a seconda della sede ordinaria di lavoro, tali tempi rientrano nelle ore di assemblea annue spettanti ad ogni lavoratore (art. 8 CCNL Federgasacqua vigente).

 

Le Segreterie Territoriali di Venezia

FILCTEM CGIL         FEMCA CISL        UILTEC UIL         

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

Giuliano Burlin, delegato RSU di CGIL in Zeolite S.r.l. interviene alla festa del lavoro di Mira. "Non è una festa per noi, combattiamo da 50 giorni per tornare al nostro posto", racconta. "Abbiamo interpellato tutte le autorità, ma vogliamo dire a quelli che si trovano in condizioni simili di non mollare, di continuare a far sentire la propria voce"

1 Maggio

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

L'intervento del segretario della camera del lavoro veneziana, Enrico Piron, a Mira il primo maggio. "Evviva il lavoro, evviva la Cgil"

Categoria: Comunicati Filctem e CGIL

 

A fronte delle assemblee generali tenutesi in Azienda Veritas, dove sono stati consultati 260 lavoratori, tutti tranne 2 astenuti e un contrario, i quali hanno espresso un preciso percorso, tale percorso ci da il mandato per avviare la procedura di raffreddamento, prevista dalla legge, prima di procedere a forme di lotta.

Dopo 7 mesi di trattativa, ci siamo visti costretti a firmare un mancato accordo con tutte le sigle sindacali e  le motivazioni che ci hanno portato alla rottura delle trattative sono state condivise, spiegate all' assemblea e trasformate in un comunicato.

Da subito abbiamo sostenuto che non avremmo accettato ricatti  sul tavolo delle trattative e abbiamo  individuato come temi di rottura, i seguenti punti :

Modificare i valori economici sulla reperibilità con l' aumento della flessibilità.

Aumentare l'orario di lavoro altrimenti si viene penalizzati sul premio.

Obbligare i quadri e  gli impiegati, ad accettare un orario di 42 ore altrimenti perdono quota di salario.

Peraltro non accettiamo che l' azienda interpreti il contratto nazionale del lavoro in modo unilaterale e lo applichi solo quando gli fa comodo.

La contrattazione aziendale è un elemento importante e non si possono mettere in discussione valori salariali definiti negli anni.

Non si può affermare che i lavoratori con mansioni direttive non hanno un orario definito  per poi chiederci di individuare come normale orario di lavoro  42 ore settimanali, e chiedendoci di  penalizzarlo in modo consistente sulla retribuzione.

Non si può aumentare l' orario di lavoro senza un riconoscimento economico.

La nostra posizione non è mai cambiata, è stata sempre chiara e coerente, abbiamo sempre sostenuto di essere disponibili a trattare sul merito di ogni problema, siamo stati chiari dall'inizio, si dovevano slegare i vari temi senza avere ricatti, constatando che a Veritas questo non interessa.

Rispetto a quanto sopra riportato, abbiamo programmato di avviare la procedura di raffreddamento, nel caso questo percorso non avrà esito positivo metteremo in atto tutte le iniziative di mobilitazioni atte a ripristinare le corrette relazioni sindacali e la ripresa del confronto sul merito dell'integrativo in discussione.

Non è accettabile che un'azienda pubblica come Veritas  anziché cercare relazioni sindacali di qualità,  insista con  forzature rispetto a contenuti inseriti nel contratto nazionale di lavoro con lo scopo di modificare tutti gli accordi in essere conquistati con anni di contrattazione.

Come risposta abbiamo avuto il grave attacco sulla modifica dell'orario dei lavoratori part-time,  utilizzando un metodo che fino a ieri non si era mai visto.

Una scelta unilaterale che ci lascia tutti stupiti per come si scarica negativamente e soprattutto nei confronti delle donne di questa azienda.

Un’azienda pubblica che deve diffondere e che utilizza il codice etico, il quale sottolinea come si devono promuovere condizioni che incentivino orari e rapporti di lavoro atti a conciliare gli impegni familiari con quelli lavorativi, se non lo applica nei confronti dei propri dipendenti come potrebbe farlo nei confronti dei cittadini?

 

Riteniamo che le relazioni sindacali in un' azienda pubblica come Veritas debbano mirare all' interesse della collettività e al rispetto delle regole senza penalizzare i lavoratori.

Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait

TWITTER

La Gente con noi . . . noi con la Gente

Comunicati Filctem e CGIL

  • Ci mancherai Annalisa . . . .

     
    Questa notte ci ha lasciato la compagna e amica Annalisa Salmistraro, delegata della Safilo di Santa Maria di Sala. La Filctem Cgil di Venezia esprime tutto il suo dolore ed esprime condoglianze alla famiglia. 
    Annalisa era una delegata storica della Safilo e una dirigente sindacale componente del Direttivo della Filctem Cgil di Venezia. Sarà ricordata per il suo profondo impegno verso i più deboli, per la sua dedizione nel difendere i diritti e le tutele delle proprie colleghe di lavoro. Sempre in prima fila nelle lotte che hanno caratterizzato gli ultimi anni della storia turbolenta del Gruppo Safilo.
    Ci mancherai Annalisa, che la terra ti sia lieve.
     
    Filctem Cgil di Venezia
     
    Venerdì 10 luglio 2020

     

    Davide Camuccio
     
  • Al Compagno Bruno Filippini

     


     

     


     

    Sono passati ormai due anni dalla scomparsa del nostro caro amico e compagno Bruno Filippini.

    La FILCTEM CGIL di Venezia continua a ricordarlo come un compagno che ha fatto vivere momenti indimenticabili e di valore inestimabile a chi, come molti di noi, si stava affacciando in un mondo così complesso come quello del sindacato, trasmettendo valori ed insegnamenti che difficilmente ci abbandoneranno.

    Bruno ci ha fatti crescere lasciando dentro ognuno di noi un pezzo di sé stesso, è sempre stato per noi una spalla e ci ha sempre dato consigli, senza mai togliere autonomia di pensiero, per affrontare, con responsabilità, le grandi vertenze che abbiamo vissuto in questi ultimi anni.

    Con le sue qualità e con i suoi consigli Bruno ci ha fatto capire quanto grande è la nostra organizzazione e come viverla.

    Sono molti i valori che abbiamo assimilato standogli vicino, valori che ci accompagneranno per il resto della nostra vita, non solo sindacale.

    Bruno è la storia del nostro Sindacato e del Petrolchimico di Porto Marghera e l’ha vissuta con grande responsabilità nei momenti più bui contro il terrorismo e quando il sindacato non aveva grandi radici all’interno delle grandi aziende.

    Bruno diceva spesso: “Quando i lavoratori sono con te e condividono le scelte, nessuno può mettere in discussione quello che stai facendo”. Non è una frase banale, ma è un modo di rappresentare con forza, passione e determinazione i più deboli, quelli che subiscono ingiustizie, la parte della società che è sempre stata messa in discussione da chi ha un potere più alto.

     Sei sempre con noi compagno!

     

    La segreteria FILCTEM CGIL di Venezia

    Mestre, 26 settembre 2019

     
  • UN SALUTO ED UN ABBRAACIO A LUCIA


     

     

    Abbiamo appreso con sgomento ed incredulità la notizia della prematura ed improvvisa scomparsa della compagna Lucia Berto.
    Lucia è stata segretaria generale della FILCEA Venezia, segretaria della CGIL di Padova e dal 2017 faceva parte della segreteria dello SPI Cgil di Padova.
    Compagna storica e persona speciale, sempre in prima linea nella difesa dei diritti delle donne, dei lavoratori e delle lavoratrici.
    La ricordiamo per il suo indiscusso impegno e professionalità alla guida della FILCEA di Venezia in un periodo politico-sindacale difficile e caratterizzato da profonde
    trasformazioni del sito produttivo di Venezia.
    Ricordiamo la sua umanità nel confrontarsi con le lavoratrici, i lavoratori e i propri collaboratori avendo sempre un momento di ascolto per ognuno di noi.
    La FILCTEM CGIL di Venezia esprime il proprio cordoglio alla figlia Marina e alla famiglia
    e ai compagni dello SPI CGIL di Padova.

    La segreteria FILCTEM CGIL di Venezia

     
  • GRANDI NAVI A VENEZIA