Prendere posizione sulla strada intrapresa dal Comune di Venezia all'indomani dell'ufficialità del cambio d’uso da fornace ad albergo a Murano come Filctem Cgil di Venezia è il minimo che possiamo fare.

L’ approvazione in così poco tempo di cambio di destinazione per una struttura produttiva del vetro ci fa capire che è possibile uscire dalla crisi cambiando vocazione alle aziende.

Dispiace constatare che a Murano nessuno stia parlando di come rilanciare un prodotto conosciuto in tutto il mondo come un’eccellenza ma che si continui a dare colpa alla crisi per motivare scelte pseudo industriali e che nulla hanno a che vedere con il distretto di Murano.

E’ evidente che gli interessi sono diversi e che si vuole spostare la Murano imprenditoriale da un'altra parte. Gli stessi imprenditori vanno infatti a produrre in terraferma, mantenendo il marchio 'Murano.

"Ci sembra che un vero e proprio comitato di affari si stia concentrando a Murano, altro che aiuti alle imprese dell'isola.

L'interesse a Murano si concentra più su attività del turismo che sulla produzione artigianale/industriale e la sua difesa.

A cosa serve portare il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, e mostrargli il museo del vetro mentre una realtà storica dell’isola se ne va a produrre altrove?

Altro che patrimonio dell’Unesco. Ci aspettavamo dal Comune un atteggiamento diametralmente opposto sui cambi d’uso a Murano.

Avevamo chiesto e continueremo a farlo di avere un confronto istituzionale per affrontare i fragili equilibri che reggono il sistema industriale di Murano, avevamo chiesto al comune di alzare la voce sostenendo in tutte le sedi che Murano sarebbe stata isola distrettuale per la produzione del vetro e che nessuna speculazione sarebbe mai stata tollerata.

Capiamo bene che gli interessi oggi sono altri, ma comprendere non significa accettare.

Le aziende che hanno deciso di continuare a produrre nonostante le molte difficoltà non vengono sostenute, dopo anni di appelli e richieste d'aiuto, non si è riusciti a produrre nulla di importante, mentre in poco tempo e molto facilmente si dà il via libera alla costituzione di una struttura alberghiera che nulla ha a che fare con Murano e con la sua storia.

Salvaguardare il distretto di Murano dovrebbe essere il tema che accomuna parti sociali , e istituzioni,… di questa nostra città metropolitana, come Filctem Cgil di Venezia continuiamo a porre domande proponendo gia per le prossime settimane un’iniziativa atta a coinvolgere tutti quei soggetti che lavorano vivono e producono a Murano.

Michele Pettenò

Murano,vetro,