Si trova ancora ricoverato in Rianimazione Alessio, il 24enne dipendente di E-distribuzione che martedì mattina è rimasto coinvolto in un incidente sul lavoro a Mestre, in una laterale di via Esiodo. Per cause ancora al vaglio, il giovane è caduto da un'altezza di 3 o  4 metri mentre si trovava impegnato su una scala, riportando un pesante trauma cranico. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che hanno trasportato il ferito all'Angelo. Servirà ancora del tempo per far luce sull'evoluzione del quadro sanitario.

"Troppi incidenti"

L'accaduto ha avuto eco tra i rappresentanti dei lavoratori, in un periodo nero dal punto di vista delle tragedie sul lavoro in Veneto: "Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ad Alessio - dichiarano in una nota unitaria Filctem Cigl, Flaei Cisl e Uiltec Uil - Questo non è il momento delle polemiche, tuttavia come organizzazioni sindacali riteniamo anche di dover esprimere un pesante giudizio rispetto alla situazione che si è creata negli ultimi tempi in E-distribuzione: in particolare riteniamo che la strada per la qualità del servizio non possa trascurare la qualità del lavoro". 

"Si metta al centro la sicurezza"

Secondo le sigle che hanno firmato il documento, l'evento si collocherebbe in un contesto fosco più ampio. "In questi primi mesi sono accaduti ben 5 infortuni in Italia con gravi conseguenze - continua la nota - 2 a lavoratori di imprese e ben 3 a colleghi E-distribuzione. Martedì un giovane lavoratore non è tornato a casa al termine della sua giornata di lavoro, un fatto di gravità sconcertante. Per noi è importante individuare le motivazioni che hanno portato a questo infortunio. I carichi di lavoro e lo stress sono pesanti nel territorio e l’organizzazione del lavoro è frenetica. La riduzione di organico è stata drastica e la formazione è spesso frettolos. La cultura della sicurezza di una grande azienda non cresce in questo modo. Ora basta - concludono - vogliamo che la qualità del lavoro torni al centro dell’organizzazione, prima della qualità del servizio. Proponiamo di fermarci tutti nei luoghi di lavoro per parlare sui temi della sicurezza, dell’organizzazione, dei diritti e dei doveri, di tutto ciò che può aiutarci a non vivere più giornate come martedì".

sicurezza, infortuni,