Nella nuova piattaforma di rinnovo del CCNL chimico siamo in presenza di alcuni fattori: la scadenza dell’EDR che si attesta a circa € 40.00 ma anche la difficoltà di interpretazione che Confindustria vuole dare all’ultimo accordo interconfederale che disciplina alcune questioni centrali per i rinnovi dei contratti. Uno in particolare è sul salario minimo garantito, in questo caso noi non abbiamo alcuna intenzione di far diventare una tariffa questa voce perché metterebbe in discussione soprattutto la disciplina con cui abbiamo gestito gli ultimi rinnovi proprio a partire dai valori punto.

Non è nostro costume discutere le scelte e le modalità con cui si chiudono altri contratti ma quello che è più evidente è che l’ultimo contratto dei metalmeccanici stranamente sposato e sostenuto da Confindustria crea ampie difficoltà di gestione ma soprattutto ci possiamo trovare di fronte a momenti in cui sia il primo che il secondo livello di contrattazione possono subire modifiche sostanziali.

Ovviamente siamo i primi che affronteranno la nuova fase di rinnovo dei contratti quindi abbiamo una grande responsabilità nel ripristinare alcune questioni di carattere contrattuale per evitare che ci sia una compressione specifica su tutti i contratti da parte di Confindustria.

Richiesta economica

Il nostro rinnovo avviene in una situazione economica e produttiva abbastanza buona diversamente dagli anni passati, il che ci mette in una condizione di fare una richiesta economica di 130€ (divisi ovviamente su indicazione chiara dei valore punto) che sia realmente esigibile ma soprattutto che sia immodificabile, a differenza di quanto avvenuto nei precedenti rinnovi.

Relazioni industriali

Questo è un capitolo fondamentale in quanto dev’essere sempre più stretto il sistema di relazioni industriali per definire sia le situazioni di crisi sia come intervenire, ma soprattutto per evitare che ci siano processi di delocalizzazione produttive e commerciali ma anche attraverso appositi coordinamenti degli osservatori, dei gruppi industriali che vengano esplicitati i piani industriali e allo stesso tempo i piani di investimento nei comparti chimici (non possiamo più assistere a situazioni come quella della Solvay che a nostro avviso non ha rispettato assolutamente il sistema delle relazioni industriali).

Organizzazione del lavoro

Da sempre il sistema chimico oltre a quello farmaceutico hanno utilizzato proposte innovative al fine di abbassare i costi e governare meglio i processi; la velocità con cui si muovono le tecnologie, diversamente dagli anni passati, impone un adeguamento continuo dell’organizzazione del lavoro, questo sistema per noi deve ruotare dentro un rispetto di etica sociale e di pieno coinvolgimento di tutte le parti in quanto i valori professionali che si sviluppano dentro questo aspetto vengono sempre sottovalutati e poco riconosciuti dal punto di vista economico, così come anche la gestione dei tempi. L’altra questione che merita una riflessione specifica è anche purtroppo l’innalzamento dell’età media delle aziende, sia negli impianti a ciclo continuo ma anche nelle attività commerciali. Su questo punto vanno attentamente valutate le riorganizzazioni del lavoro che devono tenere conto appunto delle anzianità degli addetti e dello stato di salute degli addetti.

Formazione

È ovvio che, se così come abbiamo registrato, vi è un innalzamento dell’età anagrafica diventa importante e centrale il ruolo della formazione perché dev’essere associata all’ingresso di nuove figure affiancante a chi ha esperienza maturata. Su questo punto va aggiunta anche una specifica verifica delle nuove professionalità e competenze che possono essere sviluppate dalle nuove tecnologie.

Mercato del lavoro

Deve continuare la nostra azione nell’aumentare e consolidare diritti e tutele evitando che ci siano sacche di gestione aziendale dove per abbassare i costi si cerca di usufruire di quanto previsto dalla Jobs Act, quindi devono essere valutati attentamente tutti i ricorsi alla flessibilità in genere che le aziende stanno utilizzando.

Salute e sicurezza

Nell’ultimo periodo quanto sta accadendo nel mondo del lavoro è preoccupante ed è possibile che tutte le morti a cui stiamo assistendo siano legate proprio alla precarietà in genere. Per questo abbiamo deciso di inserire nella piattaforma una figura nuova ovvero un responsabile della sicurezza di sito. Questa nuova figura a nostro avviso però dovrebbe non solo essere informato dei piani di sicurezza delle attività delle imprese e quant’altro, ma avendo una responsabilità specifica crediamo sia opportuno che come figura responsabile partecipi alla stesura dei bandi di appalto al fine di includere tutte quelle prerogative che permettano speculazioni in questo senso, proprio perché in molti appalti abbiamo visto che la questione della sicurezza è una delle voci che apre ad una competizione al ribasso tra i contraenti.

Welfare

Questo è un capitolo da una parte importante ma dall’altra potrebbe avere riflessi negativi se gestito male. Se parliamo di fondi bilaterali credo ci siano dei chiari vantaggi nei confronti dei lavoratori ma se invece parliamo dei carrelli spesa o benefici ad altro titolo non computabili al vero welfare è evidente che il sindacato ha un ruolo più residuale nella contrattazione, in quanto su quel welfare sono le aziende che stabiliscono attraverso una piattaforma le regole e i lavoratori, ovviamente, possono accettare o meno ottenendo un esiguo risparmio fiscale. Tutto questo però nuoce alla questione pensionistica ed è per questi motivi che bisogna avere una profonda attenzione nel dare maggiori garanzie e sostenibilità vera ai lavoratori.

Tra giugno e luglio faremo tutte le assemblee informative dove porteremo eventuali integrazioni alla piattaforma al fine di favorire un percorso di rinnovo contrattuale più partecipato. Nei prossimi giorni come segreterie territoriali ci riuniremo per stabilire le date delle assemblee.

 Riccardo Colletti

Segretario generale FILCTEM CGIL Venezia

Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait

TWITTER

La Gente con noi . . . noi con la Gente

Comunicati Filctem e CGIL

  • Segreteria Camera del Lavoro Metropolitana di Venezia

     

     


     

    Care compagne, cari compagni,
    abbiamo il piacere di comunicarvi che in data 2 maggio 2019 l’Assemblea Generale della Camera del Lavoro Metropolitana di Venezia ha eletto il compagno Ugo Agiollo quale Segretario Generale e le compagne e i compagni della nuova Segreteria Confederale che sono: Daniele Giordano (S.G. FP), Valter Novembrini (S.G. FILT), Valentina Rampazzo (FILCAMS), Francesca Salviato (S.G. FISAC), Antonio Silvestri (S.G. FIOM), Federica Vedova (FILT), Monica Zambon (S.G. FILCAMS).
    Cordiali saluti.

     

    Mestre, 6 maggio 2019

     

     
  • Marco Falcinelli - Nuovo Segretario Nazionale Filctem - CGIL

     

     

    È Marco Falcinelli il nuovo segretario generale della Filctem Cgil. 53 anni romano, Falcinelli ha una lunga esperienza nella federazione della Cgil che unisce i lavoratori chimici, tessili, dell'energia e delle manifatture. È infatti presente nella categoria nazionale dal 2001 (prima Filcea, poi Filcem e infine Filctem, in allegato la biografia dettagliata, ndr). Come è noto andrà a sostituire Emilio Miceli, eletto segretario confederale della Cgil il 24 gennaio scorso.

    I 196 membri dell’assemblea nazionale hanno votato, a scrutinio segreto, ed eletto Marco Falcinelli segretario generale con 179 voti favorevoli (91,5%), 14 contrari (7%) e 3 astenuti (1.5%).

     “il valore aggiunto della Filctem Cgil, oggi, sta nell’avere immaginato, anzitempo e per tempo, un modello di categoria in grado di raccogliere le sfide che il mondo del lavoro ci pone davanti. Mentre ciò che sta intorno a noi si frammenta sempre di più noi siamo in grado, con i tanti settori che rappresentiamo, di offrire un punto di unificazione fondamentale per le politiche contrattuali, per le politiche industriali per le politiche organizzative” così ha detto questa mattina Marco Falcinelli nella sua dichiarazione programmatica all’assemblea generale.

    “Sul salario minimo – ha continuato Falcinelli -, condivido la posizione della Cgil sul tema: si dia certezza alla rappresentanza e si assuma, come valore legale, quanto contenuto nei contratti nazionali. Con la volontà di dare un contratto nazionale, nella sua complessità, a chi ne è oggi privo e non di determinare la condizione per cui quel lavoratore il contratto non l’avrà mai perché alle imprese conviene applicare il semplice salario minimo, facendo finta che tutto quello che è altrettanto importante, come diritti e tutele, semplicemente, non esista”.

     “La linea politica della Filctem Cgil sui contratti non cambierà – ha affermato senza mezzi termini Falcinelli -, il nostro modello contrattuale non cambierà”.

    “La difesa dei contratti nazionali non passa solo attraverso il loro rinnovo e dalle scelte che faremo, ma anche da come li andremo a costruire e con chi. Non solo, quindi, con la loro approvazione ma anche come garantiremo la massima partecipazione attiva dei delegati e delle migliaia di lavoratrici e lavoratori”: ha detto Falcinelli sul tema della partecipazione

    “il nostro Paese ha un governo di destra - ha poi spiegato il neoeletto segretario generale della Filctem Cgil riflettendo sull’attuale politica -, molto pericoloso perché opera sul terreno della frammentazione sociale, cavalcando il disagio e fomentando le paure. Altro che inclusività, questo Governo introduce giornalmente azioni che separano le persone, gli uni contro gli altri. La progressiva insicurezza delle persone per il loro futuro è la cifra caratteristica del nostro tempo: precariato, disoccupazione, sfruttamento, impoverimento della classe media, disattenzione sui temi della differenza di genere e pericolosi ritorni a politiche oscurantiste sul tema della famiglia e dei diritti civili”.

    “Il Paese ha bisogno di investimenti pubblici e privati se vogliamo che l’economia riparta – ha infine concluso il segretario generale della Filctem Cgil sul delicato tema dell’economia nazionale -. Produrre ricchezza e reddito rappresentano l’unica via attraverso la quale si possono affermare strategie di redistribuzione solidale”.

     

    Roma, 8 aprile 2019

     


     

     

    BIOGRAFIA

    Marco Falcinelli – Nato a Roma il 4 maggio del 1966, dopo il diploma viene assunto giovanissimo alla Sigma Tau di Pomezia come ricercatore nei laboratori biologici. 

    Si avvicina molto velocemente al mondo sindacale della Cgil entrando, già nel 1990 appena concluso il periodo di formazione, a far parte del consiglio di fabbrica e contestualmente nella delegazione trattante per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro chimico farmaceutico.

    Nel 1992 ha il suo primo incarico politico, eletto infatti nella segreteria territoriale del comprensorio Pomezia-Castelli-Colleferro, vi rimarrà fino al 2001, anno in cui arriva alla Filcea Cgil nazionale.

    Dal 2001, in Filcea Cgil nazionale, ricopre il ruolo di funzionario politico occupandosi del settore chimico farmaceutico. Dal 2006 al 2010 prosegue l'incarico nella Filcem Cgil, nata dall’accorpamento avvenuto proprio nel 2006 tra la Filcea Cgil e la Fnle Cgil (ex energia).

    Nel 2011 entra in segreteria nazionale della Filctem Cgil, categoria costituitasi l’anno precedente con l’accorpamento della Filtea Cgil (ex tessili), con la delega del settore chimico farmaceutico, successivamente si occupa del settore della gomma plastica e del vetro e ceramica, deleghe che ha conservato fino ad oggi.

    L’8 aprile 2019 viene eletto segretario generale della Filctem Cgil.

     

     
  • FILCTEM-CGIL, ELETTA LA NUOVA SEGRETERIA NAZIONALE

     

     

    L’assemblea generale della Filctem-Cgil nazionale ha eletto oggi, con voto segreto, la nuova segreteria nazionale con 171 (95%) voti a favore, 6 (3,3%) contrari e 3 astenuti (1,7%).
    Hanno votato 180 componenti dell’assemblea (l’84,1%) su un totale di 214 aventi diritto. Nella nuova segreteria nazionale si segnalano due nuovi ingressi: Massimo Marani e Ilvo Sorrentino, rispettivamente ex segretario generale dalla Filctem Cgil di Ravenna e attuale segretario generale della Filctem Cgil del Lazio. I due nuovi componenti subentrano a Luca Barbetti e Gabriele Mazzariello. La nuova segreteria nazionale risulta pertanto così composta: Emilio Miceli, segretario generale; Claudio Bettoni, Marco Falcinelli, Massimo Marani, Elena Palumbo, Sonia Paoloni, Ilvo Sorrentino.
    Roma, 5 febbraio 2019

     
  • COMUNICATO STAMPA

     

     


    Apprendiamo dalla stampa locale che esponenti di primo piano del governo Lega e Movimento 5 Stelle, insieme al presidente della Regione del Veneto e al Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia, danno per scontata la permanenza delle grandi navi passeggeri in laguna e lo spostamento delle attività crocieristiche dalle banchine della Marittima di Venezia a Porto Marghera. Già in passato come FIOM e FILCTEM di Venezia abbiamo avuto modo di esprimere, per ragioni di merito, la nostra contrarietà allo spostamento delle grandi navi a Marghera perché inconciliabile con la prosecuzione delle attività produttive di Porto Marghera e la salvaguardia dell’occupazione, e perché propedeutica ad un cambio speculativo di destinazione d’uso delle aree di Marghera da industriale a turistico - commerciale.  L’inserimento per Legge di Porto Marghera e del comune di Venezia nelle aree di crisi industriale complessa non ha finora prodotto alcun progetto concreto di reinsediamento industriale e di nuova e qualificata occupazione. Su questo, e non sul cambio di destinazione d’uso delle aree di Marghera, il governo e le istituzioni locali sono chiamate a rispondere per diversificare le attività economiche nel territorio veneziano e contribuire ad una programmazione dello sviluppo e delle attività manifatturiere di Porto Marghera fondata su nuovi investimenti e su progetti ad alta innovazione tecnologica, di processo e di prodotto

    Coniugare la sostenibilità ambientale di Venezia con lo sviluppo e la capacità di creare nuova occupazione nel territorio è possibile a patto che si smetta di sperperare ingenti risorse pubbliche per faraonici progetti pensati per favorire in primo luogo le lobbies turistiche e quei potentati economici e speculativi che hanno impoverito e svuotato il centro storico, distrutto attività economiche e produttive storicamente legate alla città e alla sua vocazione industriale e manifatturiera. Servono al contrario, in applicazione della Legge sulle aree di crisi industriale complessa, investimenti in nuove attività produttive e di servizio per riequilibrare una economia, quella veneziana, oggi troppo sbilanciata sul turismo e sullo sfruttamento dei lavoratori.

    Di questo chiediamo conto al Governo e ai suoi ministri, alle istituzioni locali, alla Confindustria, per non perdere l’ennesima occasione data dall’inserimento di Porto Marghera nelle aree di crisi industriale complessa e nel tentativo di produrre il necessario cambiamento delle scelte politiche che hanno finora penalizzato la città e i lavoratori di Porto Marghera.

    Chiediamo pertanto l’apertura di una discussione con il governo su Porto Marghera e sulla città per rimettere al centro i temi del lavoro, degli investimenti e dell’assetto industriale del territorio veneziano.

     Marghera 13 novembre 2018

     Segreteria FIOM CGIL e FILCTEM CGIL di Venezia