In data 23 luglio le rappresentanze sindacali di Filctem Cgil Femca Cisl, Uiltec Uil  e Fiadel hanno sottoscritto un'ipotesi di accordo per il rinnovo della contrattazione di secondo livello, riguardante i temi del premio di risultato.

Eravamo rimasti ad un'interruzione di trattativa che davanti al Prefetto ci ha portato a chiedere a Veritas di slegare alcuni argomenti della contrattazione di secondo livello, che messi assieme suonavano come subordinati gli uni rispetto agli altri.

La trattativa ha avuto una fase di reciproco chiarimento che ci ha portato a condividere in data odierna di un'ipotesi di accordo sui seguenti punti:

Leggi tutto: Veritas, tra azienda e operatori l'accordo c'è ma l'ultima parola spetta ai lavoratori


 

L'intervista a Davide Camuccio Filctem Cgil sulla fusione Asi/Veritas

 

Si avvicina la data della fusione tra Asi e Veritas, le 2 società municipalizzate per l'erogazione di servizi (gas, acqua, rifiuti), la prima operante nell'area di San Donà di Piave e dintorni, la seconda attiva su Venezia e Provincia.

Gli ultimi decreti del governo Renzi infatti prevedono, su medesimi territori, l'unificazione delle concessioni, nell'ottica della razionalizzazione e dell'efficienza. Non poche sono le questioni da affrontare per arrivare al compimento di questo percorso, che dovrebbe concludersi nel 2017.

Un biennio che si preannuncia denso di confronti, scambi e discussioni su tutti gli aspetti che riguardano il processo di unificazione delle società Asi e Veritas e nel quale Filctem Cgil afferma di voler essere presente. Fino alla fine.

Veritas, un'azienda che dà lavoro a 600 persone, si misura con Asi: 140 dipendenti, diverso modus operandi, organizzazione del lavoro, mansioni, costo dei servizi e ottica di rapporto con il territorio e con gli utenti.

Il sindacato ribadisce l'importanza di integrare esperienza e professionalità acquisite in entrambe le realtà, in modo da garantire i migliori standard in ogni ambito. Per questo c'è fra le prime esigenze, quella di conoscere i piani industriali delle aziende. Ad esempio, facendo in modo di coniugare elevate prestazioni con bassi costi, migliore qualità della vita e del lavoro degli operatori coinvolti, con prestazioni ad alta professionalità. Uno sforzo non indifferente. Che richiede tempo, mediazione e la volontà di mantenere e diffondere le buone pratiche che hanno caratterizzato, fino al momento della fusione, i 2 diversi contesti.

Una sfida a cui il "sindacato dei chimici" di Venezia non vuole per niente rinunciare.

 


 

È purtroppo iniziato il conto alla rovescia: nel giro di neanche due mesi gli ultimi dieci lavoratori dell’importante azienda A2A saranno tristemente oggetto di un possibile  licenziamento, dopo aver a lungo utilizzato, per primi in un gruppo di così grandi dimensioni, il contratto di solidarietà con molto sacrificio e con l’intento di tenere in piedi un servizio importante per questo settore nel completo disinteresse da parte della società.

Leggi tutto: A2A CONTINUA AD IGNORARE LE RICHIESTE D’INCONTRO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI: IN DIECI...

Pagina 4 di 6

Iscrizione Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait