CONTRATTO ENERGIA E PETROLIO: POSIZIONI DISTANTI TRA LE PARTI.

FILCTEM-CGIL, FEMCA-CISL, UILTEC-UIL PROCLAMANO LO STATO DI AGITAZIONE. NUOVO INCONTRO IL 14 APRILE

 

“Stato di agitazione e blocco degli straordinari in tutto il settore energia e petrolio”: lo hanno deciso oggi i sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil dopo che la ripresa odierna della trattativa per il rinnovo del contratto Energia e Petrolio per il triennio 2016-2018 ha manifestato notevoli punti di distanza tra le parti.

Per i sindacati sono assolutamente insufficienti le risposte fornite da Confindustria-Energia in sede di trattativa: “La discussione di merito – dicono Emilio Miceli, Angelo Colombini, Paolo Pirani, rispettivamente segretari generali di Filctem, Femca, Uiltec - verrà affrontata in un nuovo incontro previsto per il 14 aprile; è nell'interesse di tutti i lavoratori raggiungere il rinnovo contrattuale in tempi ragionevoli”.

 

Roma, 4 aprile 2016


 

Care colleghe, cari colleghi,
in allegato una dichiarazione dei segretari generali di Filctem-Cgil,
Flaei-Cisl, Uiltec-Uil, Emilio Miceli, Carlo De Masi, Paolo Pirani a
proposito delle dichiarazioni dell'a.d. di Enel, Francesco Starace, rese
oggi alla presentazione del piano strategico del Gruppo alla comunità
finanziaria a Londra. Vi sarei grato di darne notizia. Grazie per la
collaborazione, cordialmente.

Carlo Casali

--
Carlo Casali
Filctem-Cgil nazionale
resp. Uff. Comunicazione
Via Piemonte, 32 00187 Roma
Tel. 06 46200935/Cell. 329 6718301
www.filctemcgil.it
www.facebook.com/Filctemcgil
https://twitter.com/filctemcgil

 

ENEL, I SINDACATI: "STARACE DÀ NUMERI IN LIBERTÀ"

 

"Si tratta di numeri in libertà",  così Emilio Miceli, Carlo De Masi e Paolo Pirani, rispettivamente segretari generali Filctem-Cgil, Flaei-Cisl e Uiltec-Uil, rispondono all'annuncio dell'amministratore delegato Enel, Francesco Starace, di 6 mila prepensionamenti e 2 mila assunzioni in Italia, così come spiegato oggi nel corso della presentazione del piano strategico del gruppo alla comunità finanziaria a Londra. "Con queste posizioni dell'amministratore delegato, non ci sarà nessun accordo né consenso sindacale su questi numeri”, concludono seccamente  i sindacati.

 

Roma, 18 novembre 2015

Pagina 3 di 4

Iscrizione Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait