L'Assemblea nazionale unitaria dei delegati Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil, riunitasi oggi a Bologna – dopo il “via libera” dalle assemblee  dei lavoratori (circa il 98% i consensi ottenuti in entrambi i casi, n.d.r.) -  ha approvato le due  ipotesi di piattaforme per i rinnovi dei contratti nazionali 2016-2019: quella del  settore tessile-abbigliamento-moda (interessati oltre 420.000 addetti in circa 50.000 imprese) e quella del settore calzaturiero (80.000 addetti impiegati in oltre 5.000 aziende), tutti e due in scadenza al 31 marzo 2016.

In entrambi i casi la richiesta economica dei sindacati è di 100 euro medi (3° livello super per il tessile-abbigliamento, 3° livello per il calzaturiero)  sui minimi tabellari, oltre ad un incremento salariale - dagli attuali 200 a 300 euro - in tutte quelle imprese che non esercitano la contrattazione di 2° livello.

Nel campo delle normative, Filctem, Femca, Uiltec puntano al miglioramento delle relazioni industriali, con orientamento all'informazione e alla partecipazione, nonché alla responsabilità sociale dell'impresa. In particolare i sindacati puntano alla piena operatività dell'Osservatorio nazionale, in particolare – nel settore calzaturiero – a monitorare le politiche per lo sviluppo della produzione in Italia e le condizioni per facilitare iniziative di “reshoring” (il ritorno a casa di produzioni oltre confine, n.d.r.).

Sul fronte del  “welfare” contrattuale si richiede di incrementare il contributo aziendale per la previdenza complementare (“Previmoda”) e di istituire il Fondo integrativo sanitario a favore dei lavoratori, di natura intersettoriale,  mentre sul tema dei diritti individuali spicca, tra l'altro,  la richiesta di Filctem, Femca, Uiltec di prevedere (nel settore tessile-abbigliamento),  di elevare (in quello delle calzature) a 10 giorni l'anno – cinque dei quali retribuiti – il congedo per malattia del figlio in età compresa tra i 3 e i 13 anni.

Infine per sviluppare la contrattazione di 2° livello, i sindacati chiedono di estendere anche al settore tessile-abbigliamento, analogamente a quanto già previsto nel contratto delle calzature, la contrattazione territoriale e di filiera, e di arricchirla assegnandogli materie quali: le staffette generazionali, l'occupazione giovanile, il consolidamento a tempo indeterminato dei contratti atipici, la possibilità di attivare forme di “smart-working” (lavoro intelligente, agile, n.d.r.).

Ora i sindacati presenteranno subito le piattaforme alle rispettive associazioni imprenditoriali (Smi e Assocalzaturifici, entrambi aderenti  a Confindustria) per  iniziare rapidamente le trattative.

 

Bologna, 29 febbraio 2016


 

 

Care colleghe, cari colleghi,
solo per informarvi che oggi a Bologna, Filctem-Cgil, Femca-Cisl,
Uiltec-Uil approveranno (nella mattinata) l'ipotesi di piattaforma per
il rinnovo del contratto Uniontessile-Confapi, mentre nel pomeriggio si
vareranno definitivamente le piattaforme sindacali per i rinnovi dei
contratti tessile-abbigliamento e calzature, entrambi in scadenza il 31
marzo 2016. Non appena possibile, seguiranno comunicati stampa più
dettagliati.
Grazie per l'attenzione.
Carlo Casali

--
Carlo Casali
Filctem-Cgil nazionale
resp. Uff. Comunicazione
Via Piemonte, 32 00187 Roma
Tel. 06 46200935/Cell. 329 6718301
www.filctemcgil.it
www.facebook.com/Filctemcgil
https://twitter.com/filctemcgil

Ha suscitato momenti di forte partecipazione ed esternazione delle tante difficoltà che vive il mondo del lavoro, la visita a Fiesso D'Artico, provincia di Venezia del segretario della Cgil Susanna Camusso. Vi riproponiamo alcune immagini, con Enrico Piron, Camera del Lavoro di Venezia, Michele Pettenò e Davide Camuccio Filctem Cgil Venezia.

Pagina 9 di 14

Iscrizione Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait