Non ci stiamo ad alimentare una polemica che rischia di spostare sulla presunta contrapposizione fra Acrib e sindacato, il fulcro del problema.

Quando invece la Filctem Cgil di Venezia è sempre rimasta ferma sulla sua posizione, al riguardo. Quella cioè di arrivare al più presto alla definizione di un ente certificatore della qualità delle calzature nella Riviera del Brenta.

Un anno è trascorso dalla sigla di un accordo fondamentale. Un patto che a differenza di tutti gli altri avrebbe dovuto creare un argine contro l’illegalità a 360 gradi nel distretto.

Non possiamo più permetterci di far passare altro tempo e occorre adesso che esso si concretizzi nella sua parte strategica: la definizione di un soggetto designato alla valutazione dei processi e dei prodotti.

E il nodo della questione, lo sappiamo, è proprio qui. Perché ci rendiamo conto che nominare un ente piuttosto che un altro, al di sopra delle parti, non è cosa semplice. Per gli interessi e i costi che gravano sulle imprese e le loro economie di scala.

La consulta è un ottimo sistema di condivisione dei problemi. Di fronte però alla scelta dell’ente certificatore, il sindacato ha un ruolo residuale. Perché chi poi deve sostenere la spesa, in definitiva sono le associazioni delle imprese.

Leggi tutto: CALZATURE RIVIERA, COLLETTI: “TUTTO IL DISTRETTO CONTA PIU’ DELLE SUE SINGOLE PARTI”

 


 

Ha portato alla chiusura di 8 laboratori e alla scoperta di 132 lavoratori irregolari il blitz della guardia di finanza di Venezia, sui tomaifici della Riviera. Le immagini sono state diffuse giovedì 23 aprile dalle fiamme gialle, che hanno controllato quasi 50 laboratori gestiti da cittadini di nazionalità cinese.

Le ispezioni sono state condotte dai finanzieri della compagnia di Mirano e dai baschi verdi di Venezia, con la collaborazione della Direzione Territoriale del Lavoro, dell’Inps e dell’Ulss 13 di Dolo-Mirano.

Il settore calzaturiero della Riviera del Brenta interessa migliaia di lavoratori e realizza un fatturato che si aggira attorno al miliardo di euro. Gli addetti, in particolare nelle unità produttive gestite da cittadini cinesi, vengono talvolta impiegati in modo non regolare dal punto di vista contributivo, come riscontrato a seguito dei controlli della finanza.

Le verifiche in questo caso hanno portato alla luce anche operazioni fuori legge sul versante del fisco e la presenza nei laboratori e nel nostro territorio in maniera clandestina di 2 lavoratori.

Prova dello sfruttamento subito perfino dagli stessi connazionali dei gestori degli opifici, costretti a produrre in luoghi malsani e controllati a vista dalla presenza di telecamere installate nei locali.

Queste condizioni e le situazioni irregolari a scapito del Made in Italy della Riviera, più volte sono state denunciate dalle organizzazioni sindacali del territorio. La categoria Filctem della Cgil di Venezia in particolare, ha cercato di far emergere circostanze al di fuori della legalità, difficili da portare alla luce istituendo un numero verde per la segnalazione anche in forma anonima degli abusi.

Comunicati stampa e riunioni con le istituzioni locali hanno avuto l'obiettivo di tenere sempre alto il livello di guardia su questi episodi. E la collaborazione con le associazioni imprenditoriali ha permesso di cominciare a fissare delle regole per la produzione, difficile da quantificare per tempi di realizzazione e da certificare in termini di standard di qualità, pur contenendo livelli spesso elevati di specializzazione professionale.

Per non parlare della fissazione di parametri standard per la sicurezza e la salute sia sui luoghi di lavoro, sia dei materiali utilizzati nel confezionamento dei prodotti.

Il servizio realizzato a Santa Maria di Sala a fine gennaio 2015 dal sito Parliamo di Lavoro della Filctem Cgil di Venezia, ha evidenziato alcuni aspetti del sistema produttivo di questo distretto: il calzaturiero. Molti elementi emersi. Alla luce del blitz della finanza odierno, desideriamo riproporlo, come importante spunto di riflessione sul tema, così delicato per il nostro tessuto sociale: CLICCA QUI PER VEDERE IL SERVIZIO

di Antonella Gasparini

 

Pagina 12 di 14

Iscrizione Mailinglist

Iscriviti alla nostra mailinglist e sarai il primo a consocere le ultime novità
Please wait